Veressenze utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per migliorare la Sua navigazione sul sito. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.

Nuove tendenze olfattive Autunno 2015: i bouquet impossibili L’autunno è nell’aria, la brezza del mattino, l’aria fresca della sera. Cambiano gli odori della natura e il profumo che mettiamo addosso.

 

I profumi classici, prediletti in questo periodo sono quelli che nascono da bouquet floreali a base di rosa, gelsomino, bergamotto italiano o fiori d'arancio, note agrumate che lasciano il posto ad accordi più dolci e intensi come la vaniglia, l'ambra e il patchouli o più terrosi come i legni.

 

Per chi vuole osare la tendenza degli ultimi tempi a livello olfattivo è ricercare sempre di più materie prime rare e preziose.

 

Protagonisti sono i cosiddetti “bouquet impossibili”, costituiti da quei fiori che non potrebbero convivere in natura perché non fioriscono nella stessa stagione e nelle medesime aree geografiche: l’assoluta di tuberosa e di narciso insieme a note più orientali come le resine, per esempio l’opoponax, o la mirra. 

Tutti accordi di grande carattere con aspetti quasi narcotici e mistici, un mix di petali rari che sbocciano insieme solo nei sogni, o nei profumi.