Veressenze utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per migliorare la Sua navigazione sul sito. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.

ENCICLOPEDIA DELLE ESSENZE: LA MENTA PIPERITA

mentha-piperita

La Menta (Mentha piperita L.) è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Labiatae (Lamiaceae).

E' una pianta facilmente riconoscibile per il suo caratteristico profumo: non appena vengono leggermente strofinate le foglie verde scuro seghettate liberano tra le dita il loro aroma pungente. Chiunque semini nel proprio giardino una piccola quantità di questa erba perenne ne troverà ben presto un intero tappeto; la Menta piperita si diffonde velocemente per mezzo di stoloni sia superficiali che sotterranei. Gli steli crescono sino ad un’altezza che va dai 30 agli 80 cm e sono adornati, da luglio a settembre,con dense spighe di fiori rosa.

 

La Menta Piperita ha, in rapporto agli altri tipi di mentam un più alto contenuto di mentolo ed è ancora oggi una delle piante più usate in naturopatia. Le sue proprietà principali sono: dissetanti, rinfrescanti, antispasmodiche, digestive, antifermentative e lievemente analgesiche. E' utilizzata in moltissimi campi industriali, ricca di qualità benefiche è famosa per essere un ottimo digestivo e per questo motivo utilizzata per la produzione di molti liquori, primi fra tutti gli amari. In campo cosmetico essa è un prezioso componente di moltissime creme anti-gonfiore, anti-pesantezza , doposole, grazie alla meravigliosa sensazione di freschezza che fanno avvertire alla nostra pelle.

 

Il nome MENTHA, secondo la mitologia Greca, deriva da Minte la ninfa di cui si invaghì Ade, trasformata da Persefone, moglie del Dio degli inferi, per gelosia in una pianta profumata: la Menta piperita. I Cinesi, anticamente, ne vantavano le proprietà calmanti e le sue virtù antispasmodiche. Ippocrate considerava la menta un afrodisiaco, mentre Plinio ne vantava l'azione analgesica. I Greci e i Romani la usavano molto per profumare la persona, le acque per il bagno e per prepararsi infusi. Una volta era usata come cicatrizzante, posta a macerare nell'olio di oliva per un mese al sole. Gli erbari di una volta le attribuivano un notevole impiego; per le influenze, i raffreddori, per il mal di pancia, meteorismo e per disturbi gastrici e biliari.

 

La menta può essere utilizzata in cucina sia fresca che essiccata per insaporire le pietanze. Dona alle insalate, alle verdure o ai legumi un gusto e una freschezza in più.