Veressenze utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per migliorare la Sua navigazione sul sito. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.

VERESSENZE SCEGLIE I CONCESSIONARI

Veressenze sceglie i concessionari

 

Veressenze sceglie la semplicità.

I contratti di distribuzione sono molti e devono essere selezionati per rendere più efficaci i sistemi di distribuzione e le reti di vendita. Tra alcune di queste tipologie le differenze sono piuttosto labili ma l'espeMaking-Your-Team-Work-Well-Together-Mevvyrienza dimostra come la scelta più appropriata possa essere determinante per il successo o l'insuccesso di un'iniziativa imprenditoriale.

E' proprio sulla base della casistica sperimentata, ormai consistente, che Veressenze ha scelto di basare la struttura della propria catena distributiva su una rete di concessionari.

 

Tale formula si presenta, rispetto al franchising, opzione finora adottata che più gli si avvicina, come un rapporto altrettanto colllaborativo ma nel quale gli obblighi e le implicazioni economiche, amministrative e operative sono ridotti al minimo secondo le pattutizioni delle parti.

Veressenze non chiede infatti a propri concessionari nessuna royalty e pagamento periodico di fees, nessuna quantità minima di acquisto.

Veressenze offre altresì ai concessionari tutto il know how necessario per avviare l'attività, una formula collaudata, l'utilizzo di un marchio italiano di successo, l'attività centralizzata di marketing e l'esclusiva di territorio.

 

 

 

LA STORIA DEL PROFUMO: AQUA MIRABILIS

aq 4

Gli abitanti della penisola italiana sono sempre stati dei maestri in termini di buon gusto e inventiva. Tra i protagonisti delle profumeria moderna, ad esempio, si ricorda un certo Giovanni Paolo Feminis (vissuto a cavallo tra il Seicento ed il  Settecento), un piemontese riconosciuto come l'inventore della formula dell'Aqua Mirabilis. Morto a Colonia, lascio le formule del prodotto a Giovanni Maria Farina che ne proseguì l'imppresa commerciale diffondendo la cosidetta Acqua di Colonia che ne era un'evoluzione.

Peraltro già prima, e fino al XVIII secolo, Firenze e Venezia erano erano il polo di produzione di profumi più importante d'Europa, e fu Caterina de' Medici che, sposando Enrico II di Francia portò la profumeria Oltralpe.


I VANTAGGI DI ESSERE CONCESSIONARIO

I vantaggi di essere concessionario

La formula delle reti di vendita è ormai un modello collaudato ed efficace che trova uno spazio crescente per i suoi innumerevoli vantaggi. Secondo noi i principali sono 3:

concessionario veressenze

Investimenti ridotti e semplicità di avviamento: l'esperienza e le competenze del concedente unitamente alle economie di scala che può realizzare offorno l'opportunità di aprire agevolmente e rapidamente nuovi punti vendita con impegni di capitale relativamente ridotti

Know how e formula collaudata: avviare un'attività con questa formula permette di sfruttare modelli di business già sperimentati contando su competenze consolidate che si arricchiscono e si rafforzano con lo sviluppo della rete

Marchio e marketing: la condivisione del marchio ne accresce notevolmente la percezione tra i consumatori così come le attività promozionali sono estremamente più efficaci sia a livello locale che a livello centrale.

INTERVISTA STORE TORINO

STORE TORINO, incontriamo Giulia Dogliotti

Giulia gestisce lo store Veressenze di Torino, in corso Vittorio, non lontano dalla stazione Porta Nuova.

Le abbiamo chiesto di raccontarci la sua esperienza.

vetrina veressenze profumi alla spina

Ciao Giulia, come è nata l'idea di aprire un negozio Veressenze?

Sono partita dall’opportunità di collocarmi in una zona centrale e di passaggio. Avevo sentito, e mi sono poi documentata, della grande espansione commerciale dei profumi di equivalenza e mi piaceva l’idea dei distributori alla spina.

Ecco appunto… cosa sono per te i profumi di equivalenza?

Sono una tipologia di profumi che segue il trend del momento, puntando sulla qualità ed escludendo tutto ciò che è superfluo. Per me vendere profumi di equivalenza significa innanzitutto far pagare solo la qualità senza  tutti quei costi accessori che caratterizzano i prodotti di marca. Venderli alla spina ha poi anche un valore etico, la ricarica rappresenta un sano stile di vita ecocompatibile.

Come stanno rispondendo i consumatori a Torino?

Molto bene, già in queste prime settimane di apertura sta crescendo una clientela soddisfatta e fidelizzata. Clienti che dopo una prima prova ritornano per acquistare altri prodotti. ...e non abbiamo ancora iniziato con le iniziative promozionali.

...e cosa apprezzano maggiormente?

Direi la piacevolezza dei profumi e la persistenza, oltrechè, naturalmente, il prezzo, davvero interessante. Offrire solo Eau de Parfum con elevate percentuali di essenza è una scelta vincente. In giro ci sono tanti prodotti di scarsa qualità ma i consumatori se ne accorgono facilmente.

In questo periodo, anche per il grande successo del settore, molti stanno valutando questa opportunità e si chiedono quale sia la location ideale per aprire un negozio, sulla base della tua esperienza cosa puoi suggerire?

Non è necessario essere per forza nelle vie più trafficate e commerciali della città, è sufficiente che per qualunque motivo sia assicurato un passaggio significativo e che il negozio sia facilmente raggiungibile e visibile.

Un'ultima curiosità, penso condivisa. Perchè hai scelto Veressenze?

Ha sicuramente giocato la disponibilità e professionalità, ma, oltre a questo, è stato importante che fosse un marchio italiano con una struttura basata in Italia.

Grazie della disponibilità.


Giulia ci saluta con la gentilezza che Le è consueta. Il negozio è in corso Vittorio Emanule II 59 (per chi è di Torino angolo via San Secondo)

Pagina 83 di 85